QUAL È SENZA DENARI INNAMORATO ... OF WHY HE IS UNHANGED
Cecco Angiolieri tr. Dante Gabriel Rossetti
Qual è senza denari innamorato,
Faccia le forche, e appicchisi se stesso:
Che'l non muore una volta, ma più spesso,
Chi non fa quel, che da ciel fu cacciato.
Ma certo credo per lo mio peccato,
Se v'è nel mondo Amore, io son desso,
E non avrei sol da pagare un pesso,
S' altri di me si fosse reclamato.
Qual' è la ragion perch' io non m'appicco?
Un pensiero, che molto mi par vano:
Ch'io ho un padre vecchio, e molto ricco:
Che attendo pur, che muora a mano a mano,
E dee morir quando lo mar sia sicco:
Fallo Dio per mio strazio essere sano.
Whoever without money is in love
Had better build a gallows and go hang;
He dies not once, but oftener feels the pang
Than he who was cast down from Heaven above.
And certes, for my sins, it's plain enough,
If Love's alive on earth, that he's myself,
Who would not be so cursed with want of pelf
If others paid my proper dues thereof.
Then why am I not hang'd by my own hands?
I answer: for this empty narrow chink
Of hope; - that I've a father old and rich,
And that if once he dies I'll get his lands;
And die he must, when the sea's dry, I think.
Meanwhile God keeps him whole and me i'the ditch.

next
VB43 index
Italian index