L’ORA DI BARGA TIME AT BARGA
Giovanni Pascoli tr. Allen Prowle

Al mio cantuccio, donde non sento
se non le reste brusir del grano,
il suon dell’ore viene col vento
dal non veduto borgo montano:
suono che uguale, che blando cade,
come una voce che persuade.

Tu dici, È l’ora; tu dici, È tardi,
voce che cadi blanda dal cielo.
Ma un poco ancora lascia che guardi
l’albero, il ragno, l’ape, lo stelo,
cose ch’han molti secoli o un anno
o un’ora, e quelle nubi che vanno.

Lasciami immoto qui rimanere
fra tanto moto d’ale e di fronde;
e udire il gallo che da un podere
chiama, e da un altro l’altro risponde,
e, quando altrove l’anima è fissa,
gli strilli d’una cincia che rissa.

E suona ancora l’ora, e mi manda
prima un suo grido di meraviglia
tinnulo, e quindi con la sua blanda
voce di prima parla e consiglia,
e grave grave grave m’incuora:
mi dice, È tardi; mi dice, È l’ora.


Tu vuoi che pensi dunque al ritorno,
voce che cadi blanda dal cielo!
Ma bello è questo poco di giorno
che mi traluce come da un velo!
Lo so ch’è l’ora, lo so ch’è tardi;
ma un poco ancora lascia che guardi.

Lascia che guardi dentro il mio cuore,
lascia ch’io viva del mio passato;
se c’è sul bronco sempre quel fiore,
s’io trovi un bacio che non ho dato!
Nel mio cantuccio d’ombra romita
lascia ch’io pianga su la mia vita!

E suona ancora l’ora, e mi squilla
due volte un grido quasi di cruccio,
e poi, tornata blanda e tranquilla,
mi persuade nel mio cantuccio:
è tardi! è l’ora! Sì, ritorniamo
dove son quelli ch’amano ed amo.

To my corner, from where all I hear
is the rustle of still standing wheat,
on the wind comes the tolling of the hours
from a village hidden in the mountains;
a sound falling even and sweet,
like a voice which persuades.

You say, it’s time; you say, it’s late,
sweet voice falling from the sky.
But just for a little longer let me
look upon tree, spider, bee, and stalk,
things which are centuries old, or a year
or an hour, and those clouds that pass.

Let me stay here motionless
among so many fluttering wings and leaves;
and hear from a farm a cockerel call,
and from another, the other answer,
and, when the soul is rooted somewhere else,
the chattering of a quarrelsome titmouse.

And again the hour strikes, calling to me,
at first with its tinny cry of surprise,
and then, with its earlier, sweeter voice
it speaks and gives advice,
and seriously, so seriously, it tries to give me heart:
It’s late, it says to me, it’s time.


So you want me then to think of my return,
voice falling gently from the sky!
But it is beautiful this little piece of day
which shines to me as through a veil!
I know it’s late, I know it’s time;
but let me keep on looking just a while.

Just let me look into my heart,
and through my past live once again,
to know if still upon the branch there is that flower,
or if there is a kiss I have not given!
In my corner, in its hermit shadow,
let me weep over my life!

And the hour strikes again, and twice
it pierces me with its cry, almost of anger,
then, once more sweet and calm,
persuades me in my corner:
It’s late! It’s time! So, let us then return
To those who love and whom I love.

Trans. Copyright © Allen Prowle 2010


next
index
translator's next