SIGNOR, SE VERO È ... TO POPE JULIUS II
Michelangelo trans. John Addington Symonds


Signor, se vero è alcun proverbio antico,
questo è ben quel, che chi può mai non vuole.
Tu hai creduto a favole e parole
e premiato chi è del ver nimico.

I' sono e fuí già tuo buon servo antico,
a te son dato come e' raggi al sole,
e del mie tempo non ti incresce o dole,
e men ti piaccio se più m'affatico.

Già sperai ascender per la tua altezza,
e 'l giusto peso e la potente Spada
fussi al bisogno, e non la voce d'ecco.

Ma 'l cielo è quel c'ogni virtù disprezza
locarla al mondo, se vuol c'altri vada
a prender frutto d'un arbor ch'è secco.


My Lord! if ever ancient saw spake sooth,
Hear this which saith: Who can, doth never will.
Lo! thou hast lent thine ear to fables still,
Rewarding those who hate the name of truth.

I am thy drudge and have been from my youth -
Thine, like the rays which the sun's circle fill;
Yet of my dear time's waste thou think'st no ill:
The more I toil, the less I move thy ruth.

Once 'twas my hope to raise me by thy height;
But 'tis the balance and the powerful sword
Of Justice, not false Echo, that we need.

Heaven, as it seems, plants virtue in despite
Here on the earth, if this be our reward -
To seek for fruit on trees too dry to breed.

Click here 1 for another translation of this poem.

next
index
translator's next