ONDA PER ONDA ... WAVE AFTER WAVE ...
Carlo Michelstaedtertr. Brian Cole
Onda per onda bate sullo scoglio;
Passan le vele bianche all' orizzonte;
Monta, rimonta, or dolce or tempestosa,
L'agitata marea senza riposo.
Ma onda e sole e vento e vele e scogli,
Questa è la terra; quello l'orizzonte
Del mar lontano, il mar senza confini.
Non è il libero mare senza sponde,
Il mare dove l'onda non arriva,
Il mare che da sè genera il vento,
Manda la luce e in seno la riprende,
Il mar che di sua vita mille vite
Suscita e cresce in una sola vita.
Ahi, non c'è mare cui, presso o lontano,
Varia sponda non gravi, e vario vento
Non tolga dalla solitaria pace:
Mare non è che non sia un dei mari.
Anche il mare è un deserto senza vita,
Arido tristo fermo affaticato;
Ed il giro dei giorni e delle lune,
Il variar dei venti e delle coste,
Il vario giogo si lo lega e preme,
Il mar che non è mare, s'anche è mare.
Ritrova il vento l'onda affaticata,
E la mia chiglia solca il vecchio solco;
E se tra il vento e il mare la mia mano
Regge il timone e dirizza la vela,
Non è pił la mia mano che la mano
Di quel vento e quell' onda che non posa:
Chè senza posa come batte l'onde,
Chè senza posa come vola il nembo,
Si la travaglia l'anima solitaria
A varcar nuove onde, e senza fine
Nuovi confini sotto nuove stelle
Fingere all' occhio fisso all' orizzonte,
Dove per tramontar pur sorga il sole.
Al mio sole, al mio mar per queste strade
Della terra o del mar mi volgo invano:
Vana è la pena, vana è la speranza;
Tutta è la vita arida e deserta,
Finchè in un punto si raccolga in porto,
Di se stessa in un punto faccia fiamma.
Wave after wave crashes on the rocks;
The white sails pass by on the horizon;
The troubled tide, now calm and now tempestuous,
Swells in and swells again without repose.
But wave and sun and wind and sails and rocks,
This is the earth; that is the horizon
Of the distant sea, the unbounded, infinite sea.
It is not the open ocean with no shores,
The sea to which no wave can ever come,
The sea that of itself generates the wind
Sends out light and takes it back to its breast,
The sea that with its life sustains and grows
A thousand lives within its single life.
Ah, it is not the sea that, near or far,
Weighs on its various shores, nor takes away
The various winds from that peaceful solitude:
There is no sea that's not one of those seas.
Even the sea is a desert without life,
Arid, sad and motionless, fatigued;
And the rotating circle of days and moons,
The variation of winds and of the coasts,
The various ridges link and weigh it down,
The sea that is no sea, and is also a sea.
The exhausted wave finds the wind again,
And the blade of my keel ploughs the ancient furrow;
And if through all this wind and sea my hand
Controls the rudder and directs the sail,
Then it is no more my hand than the hand
Of that wind and that wave that does not rest:
That with no rest, just as the wave will beat,
That with no rest, just as the squall will blow,
The solitary soul contrives to attack it
To sail across new waves, and without end
To imagine, with eyes fixed on the horizon,
Other frontiers under other stars,
Where the sun still rises only to set.
To my sun, to my sea, by these roads
From the earth or from the the sea I turn in vain:
The suffering is in vain, in vain the hope;
Life is completely arid and a desert,
Until at one moment it reaches the harbour
And in that very moment bursts into flames.

Trans. Copyright © Brian Cole 2006


next
index
translator's next