TRIONFO DI BACCO ED ARIANNA A SONG FOR BACCHUS
Lorenzo de' Medici tr. A.S.Kline
Quant'è bella giovinezza
Che si fugge tuttavia!
Chi vuol esser lieto, sia:
Di doman non c'è certezza.

Quest' è Bacco e Arianna,
Belli, e l'un dell' altro ardenti:
Perchè 'l tempo fugge e 'nganna,
Sempre insieme stan contenti.
Queste ninfe e altre genti
Sono allegre tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
Di doman non c'è certezza.

Questi lieti satiretti
Delle ninfe innamorati
Per caverne e per boschetti
Han lor posto cento aguati:
Or da Bacco riscaldati,
Ballan, saltan tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
Di doman non c'è certezza.

Queste ninfe hanno anco caro
Da loro essere ingannate;
Non puon far a Amor riparo
Se non genti rozze e 'ngrate:
Ora insieme mescolate
Suonan, cantan tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
Di doman non c'è certezza.

Questa soma che vien dreto
Sopra l'asino, è Sileno:
Così vecchio è ebbro e lieto,
Già di carne e d'anni pieno;
Se non può star ritto, almeno
Ride e gode tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
Di doman non c'è certezza.

Mida vien dopo costoro:
Ciò che tocca, oro diventa.
E che giova aver tesoro,
Poichè l'uom non si contenta?
Che dolcezza vuoi che senta
Chi ha sete tuttavia?
Chi vuol esser lieto, sia:
Di doman non c'è certezza.

Ciascun apra ben gli orecchi:
Di doman nessun si paschi;
Oggi siam, giovani e vecchi,
Lieti ognun, femmine e maschi;
Ogni tristo pensier caschi;
Facciam festa tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
Di doman non c'è certezza.

Donne e giovanetti amanti,
Viva Bacco e viva Amore!
Ciascun suoni, balli e canti!
Arda di dolcezza il core!
Non fatica, non dolore!
Quel c'ha esser, convien sia.
Chi vuol esser lieto, sia:
Di doman non c'è certezza.

Quant' è bella giovinezza
Che si fugga tuttavia!
How beautiful our Youth is
That’s always flying by us!
Who’d be happy, let him be so:
Nothing’s sure about tomorrow.

Here are Bacchus, Ariadne,
Lovely, burning for each other:
Since deceiving time must flee,
They seek their delight together.
These nymphs, and other races,
Are full of happiness forever.
Who’d be happy, let him be so:
Nothing’s sure about tomorrow.

These delighted little satyrs
With their nymphs intoxicated,
Set a hundred snares now for them,
In the caves and in the bushes:
Warmed by Bacchus, all together
Dancing, leaping there forever,
Who’d be happy, let him be so:
Nothing’s sure about tomorrow.

All the nymphs are more than happy
To be tricked by their satyrs,
There’s no defence from loving
Except for coarse ungrateful people:
Now they’re mingling together,
Playing, singing there forever.
Who’d be happy, let him be so:
Nothing's sure about tomorrow.

And that lump behind them, now
On the ass, is old Silenus:
Happy and inebriated,
Full of food and years already:
Though he can’t stand to attention,
He still laughs with joy forever.
Who’d be happy, let him be so:
Nothing’s sure about tomorrow.

Midas follows all the others:
Turns to gold the things he touches.
Where’s the joy in owning treasure,
If it doesn’t give you pleasure?
And where’s the sweet taste for a man
Who only feels his thirst forever?
Who’d be happy, let him be so:
Nothing’s sure about tomorrow.

Ope’ your ears wide, everyone:
Let none dine on their tomorrows:
Old and young ones, all at play,
Girls and boys, be glad today,
Banish every tearful sorrow,
Make each day a holiday.
Who’d be happy, let him be so:
Nothing’s sure about tomorrow.

Ladies and you youthful lovers,
Long live Bacchus: long live Love!
Everyone sing, dance and play!
Hearts, be all on fire with sweetness!
No faintness now or hint of sadness!
Whatever is to be must be:
Who’d be happy, let him be so:
Nothing’s sure about tomorrow.

How beautiful our Youth is
That’s always flying by us!

Click here 1 for another translation of this poem.

Trans. Copyright: A.S.Kline 2004


next
index
translator's next