L'ARANCIA DOLCE THE SWEET ORANGE
Melo Freni tr. Brian Cole
Dolce più dolce sfera
arancia dolce
ti addentano con unghia avvelenate
sul pallido mercato della luce.

Sulla lenta laguna solo scorie
e il coraggio si eleva sui lamenti
delle mani che invocano
un sapore di fresco sanguinello,
arancia dolce, come il condannato
la chiese dentro il braccio della morte
- desio che non è grazia
poiché quello dell'albero fra gli alberi
diruppe una tristezza imprevedibile:
all'inizio fu il pomo
ora il frutto è l'arancia

(le notizie sono crude, ogni poro
sprizza puzza di carne bruciata).

Silenzio senza zagare a quest'ora
mattino che mi aspetti,
ma io non so che darti
dopo che tutto ti ho dato, inutilmente,
sull'eco dei giardini verso l'alto
emisfero di un'arancia ch'e sfuggita
da sola agli uragani.
Sono i nostri
Verdi anni, ciascuno
ha sempre un dolce frutte da salvare.
Sweet and even sweeter sphere
sweet orange
they tear you with poisoned nails
in the pallid market of the light.

On the slow lagoon is only dross
and the heart raises its lamentation
with hands that invoke
the flavour of fresh dogwood,
sweet orange, as the condemned man
requests in the embrace of death
- a wish that is not granted
because that from the tree among trees
would provoke unforeseeable sadness:
in the beginning was the apple
now the fruit is the orange

(the reports are cruel, every pore
exudes the stench of burnt flesh).

Silence without orange-blossoms at this time
of morning when you wait for me,
but I do not know what to give you
after I have given you everything, vainly,
from the echo of the gardens to the high
hemisphere of an orange that escaped
by itself from the storm.
These are our
green years, each of us
always has a sweet fruit to preserve.

Copyright: © Melo Freni, trans. copyright © Brian Cole 2005


next
index
translator's next