FARÒ UNA POESIA DI MERO NULLA ...I'LL CRAFT A POEM OF MERE EMPTINESS ...
Remo Fasanitrans. Aino Paasonen & Ricardo Sternberg
"Farai un vers de dreiz nien" Guilhelm IX
A Christianne Brunner



Farò una poesia di mero nulla:
su questo tempo grigio che non muta
da capodanno fino là di marzo
e oscilla pigro intorno ai zero gradi.

Il cielo è un'infinita ragnatela
da cui filtra talvolta un breve sole
che non riscalda o lungamente cade
rada una neve che non forma strato.

Usciamo senza piú sentire il freddo,
senza guardare il cielo indifferente,
il sole astratto, la neve sospesa.

Siamo nel tempo e sconosciuti al tempo
Fin quando esploderà la primavera,
che non sogniamo e che forse temiamo.
"Farai un vers de dreiz nien" Guilhelm IX
To Christianne Brunner



I'll craft a poem of mere emptiness:
On this grey, changeless weather, that drags on
from New Year's day to well into late March,
sluggishly hovering at freezing point.

Above, the sky's an endless spiderweb
through which a pallid sun filters a while
without warmth, or else on and on at length
a thin snow falls leaving no covering trace.

Now we go out unmindful of the cold.
We don't look up at the indifferent sky;
the sun's abstracted, the snow suspended.

We're held in time but alien to its flow
till when a new springtime will surge and burst -
the undreamt season that, perhaps, we fear.

Copyright © Remo Fasani 1995: trans. copyright © Aino Paasonen & Ricardo Sternberg 2003 - originals publ. Bellinzona: Edizioni Casagrande, 1995


next
index
translator's next