VITTORIA, MIO CORE! VICTORY, MY HEART!
Domenico Benigni trans. Bertram Kottmann
Vittoria, mio core!
Non lagrimar più,
È sciolta d'Amore
La vil servitù.

Già l'empia a' tuoi danni
Fra stuolo di sguardi,
Con vezzi bugiardi
Dispose gl'inganni;

Le frode, gli affanni
Non hanno più loco,
Del crudo suo foco
È spento l'ardore!

Da luci ridenti
Non esce più strale,
Che piaga mortale
Nel petto m'avventi:

Nel duol, ne' tormenti
Io più non mi sfaccio
E rotto ogni laccio,
Sparito il timore!
Victory, my heart!
Weep no more.
Low servitude to love
is over.

The ungodly woman
deceived you
with glances and glances
and untrue caress;

Deceit and sorrow
have no more place,
The embers of her cruel fire
have gone out!

Her laughing eyes don't shoot
arrows any longer,
which struck a mortal wound
in my breast:

Neither grief nor torment
worry me any longer;
every snare is broken,
and fear has disappeared.

next
index
translator's next